Istituto di Scienze Cognitive

Vicino a Te Gli Psicoterapeuti nella tua città

Istituto di Scienze Cognitive

Istituto di Scienze Cognitive

Istituto di Scienze Cognitive

Home » Workshops » Workshop Teoria polivagale, ossitocina e la neurobiologia del comportamento..

Workshop Teoria polivagale, ossitocina e la neurobiologia del comportamento..

Workshop Teoria polivagale, ossitocina e la neurobiologia del comportamento.. - Istituto di Scienze Cognitive

 

20-21-22 Maggio 2015

Roma

 

Impiegare il sistema di coinvolgimento sociale per favorire il recupero da esperienze minacciose, stressanti e traumatiche.

 

I lavori di Stephen Porges sulla Teoria polivagale e di Sue Carter su ossitocina e comportamento sociale costituiscono degli importanti progressi validati scientificamente nel campo delle neuroscienze, con applicazioni cliniche in una nuova medicina mente-corpo e in psicoterapia. Con il seminario di tre giorni si otterrà una comprensione completa di questa innovativa ricerca e di come queste conoscenze informano la pratica clinica.

La Teoria polivagale offre una nuova prospettiva e amplia la nostra comprensione del comportamento normale e atipico, della salute mentale e dei disturbi psichiatrici. Inoltre, con l’integrazione di una prospettiva evolutiva, essa spiega come la regolazione della funzione autonomica forma la “piattaforma” neurale sulla cui base poggiano il comportamento sociale e lo sviluppo di relazioni di fiducia. Illustra, poi, in che modo reazioni al pericolo e alle minacce per la  vita, ed esperienze di abuso e trauma, possono regolare il sistema nervoso per rispondere a persone amiche, caregiver e insegnanti come se fossero dei nemici. La Teoria polivagale permette di conoscere dal punto di vista neurofisiologico le variazioni nelle esperienze umane associate a emozioni, attaccamento, comunicazione e autoregolazione. I partecipanti al seminario apprenderannocome il comportamento sociale blocca le difese e favorisce le possibilità di sentirsi al sicuro e potranno, così,offrire un trattamento migliore per i disturbi dipendenti dai sistemi di difesa.

Il workshop esaminerà sia le applicazioni cliniche della Teoria polivagale sia la dipendenza della regolazione autonomica dall’ossitocina.

Esso si pone tre obiettivi:

1) indicare esplicitamente la Teoria polivagale;

2) illustrare come la prospettiva polivagale fornisca informazioni in merito a valutazione clinica e trattamento di numerose patologie mentali e fisiche;

3) spiegare la dipendenza della regolazione autonomica dall’ossitocina nello sviluppo dei legami sociali e nella regolazione delle risposte allo stress in un contesto sociale.


Le prime due giornate del workshop saranno incentrate sulla Teoria polivagale. Si apprenderà come, attraverso l’evoluzione, nel cervello si è venuta a formare una connessione tra i nervi che controllano il cuore e il volto. Tale connessione fornisce le strutture per il Sistema di coinvolgimento sociale, che collega le sensazioni corporee e i processi mentali con espressione facciale, intonazione della voce e gesti.
Il terzo giorno, al dr. Porges si unirà la dott.ssa Sue Carter, la quale scoprì come i neuropeptidi – ad esempio, l’ossitocina e la vasopressina – programmano il sistema nervoso in evoluzione, con conseguenze permanenti per il cervello e il comportamento sociale. Integrando gli studi sui neuropeptidi con la Teoria polivagale, il dr.Porges e la dott.ssa Carter procederanno a un’esplorazione delle applicazioni cliniche. Tra queste, i metodi di valutazione biocomportamentale e le potenziali strategie per il trattamento delle caratteristiche associate ad autismo, ipersensibilità uditive e traumi.

 

Docenti:

Dott. Stephen Porgesè professore di Psichiatria presso la University of North Carolina. Ha ricoperto la carica di Presidente della Federation of Behavioral, Psychological and Cognitive Sciences e della Society for Psychophysiological Research. È l’ideatore della Teoria polivagale. È inoltre autore di oltre duecento articoli scientifici peer-review che attraversano varie discipline, tra cui: anestesiologia, medicina critica, ergonomia, fisiologia dell’esercizio fisico, gerontologia, neurologia, ostetricia, pediatria, psichiatria, psicologia, medicina spaziale e abuso di sostanze. Nel 1994 propose la Teoria polivagale, una teoria che mette in relazione l’evoluzione del sistema nervoso autonomo dei mammiferi con il comportamento sociale e sottolinea l’importanza dello stato fisiologico nell’espressione dei disturbi psichiatrici.

Dott.ssa Sue Carter, Dirige il Kinsey Institute ed èRudy Professor di Biologia alla Indiana University. Si occupa dello studiodella neurobiologia dei comportamenti socio-emotivi, tra cui i legami sociali e il comportamento genitoriale.A lei si deve la scoperta dell’importante ruolo dell’ossitocina nella creazione di legami sociali e di come i neuropeptidi possono programmare il sistema nervoso in evoluzione, con conseguenze permanenti per il cervello e il comportamento sociale. Attualmente sta collaborando in una ricerca mirata ad analizzare il ruolo dell’ossitocina e della vasopressina nelle patologie psichiatriche. Il suo ultimo lavoro è centrato sugli effetti dell’ossitocina sullo sviluppo, ad esempio, l’esposizione perinatale all’ossitocina sintetica e il ruolo protettivo di questo peptide nella regolazione della reattività comportamentale e autonomica alle esperienze stressanti

 

Orario:

Venerdì10-18
Sabato10-18
Domenica9-17

 

Destinatari
Psicologi Psicoterapeuti, Medici specializzati in psicoterpia, Studenti specializzandi in psicoterapia 

 

Lingua: traduzione simultanea dall'inglese all'italiano

 

Quota di iscrizione: € 300,00 iva inclusa

 

Accreditamento ECM

 

Iscrizione

Iscriviti su http://www.isctraining.com/ oppure richiedi il modulo di iscrizione alla nostra segreteria

 

Brochure (clicca il link) 

 

Info 
isc@istitutodiscienzecognitive.it
079/230449 3925294249
(lunedì-venerdì 9.00-15.00)